17 gennaio 2014 - VIAGGIO NELLE SUGGESTIONI DEL SUD AMERICA , Audiovisivi di Susanna Melesi

Venerdì 17 gennaio 2014 ORE 21.00
PRESSO L’ISTITUTO COMPRENSIVO P. TIBALDI, VIA MANZONI 19, CANTU’ (CO)

   

Immersi fra le bianchissime dune dei Lencois Maranhenses in Brasile, immensi spazi solitari ed incontaminati dove solo la natura è protagonista; avventure mozzafiato in Amazzonia su silenziose piroghe spinte a remi dai nativos; poi il Perù con la sua gente, il suo glorioso passato e i suoi colori; la passione e la sensualità di Cuba; l'Argentina dai ghiacciai e dai picchi del sud agli straordinari paesaggi del nord con gli enormi pilastri in arenaria rossa della Valle della Luna che s'innalzano verso un immacolato cielo blu.
Tanti viaggi in una terra meravigliosa, attraverso scenari straordinari e paesaggi grandiosi...
Sud America: terra di forti emozioni!

locandina 
programma 2013 2014

NOTE SULL’AUTORE

Susanna Melesi, nata a Lecco, dopo il diploma superiore all’Istituto Tecnico per il Turismo si è specializzata in lingua inglese. Dal 1991 al 2004 ha lavorato con la sorella Sabina a Lecco presso la “Galleria Melesi”, galleria d’arte contemporanea di famiglia.

Da sempre fortemente interessata alla fotografia, dal 2004 si dedica completamente alla sua passione e si specializza in questo campo partecipando con successo a diversi workshop con i migliori fotografi italiani, come Franco Fontana e Francesco Cito.

Appassionata viaggiatrice e fotografa, suoi servizi fotografici sono stati esposti in diversi spazi espositivi del territorio lecchese, ha scritto e pubblicato racconti di viaggio per importanti Tour Operator e ha partecipato a numerosi concorsi fotografici classificandosi sempre ai primi posti. Nel 2008 ha partecipato al concorso nazionale “Premio Chatwin, camminando per il mondo” con un reportage sull’Etiopia, i suoi scatti sono stati selezionati come i migliori del 2008 ed esposti a Genova nel mese di novembre presso la biblioteca Berio. Sue immagini illustrano i cataloghi delle più prestigiose agenzie di viaggio come Kel 12, I viaggi di Maurizio Levi, Viaggi Avventure nel Mondo. Nel 2007 alcune sue immagini di viaggio illustrano il volume “Il fato al collo, collane e amuleti dal Sahara all’Himalaya” della mostra-evento promossa dalla Banca Svizzera Italiana.

Nel 2008 realizza il reportage fotografico per la mostra “Gioielli dal tetto del mondo” presso l’ex cotonificio Cantoni a Bellano e nel 2009 espone presso la Galleria Civica di Campione d’Italia una serie di immagini sull’Himalaya che accompagnano l’esposizione “Gioielli dei regni Himalayani” di cui è autrice anche delle fotografie pubblicate sul volume della mostra. Nel mese di novembre 2010 in occasione della mostra fotografica intitolata “Africa ieri e oggi”, espone in una collettiva a Genova alla Loggia degli Abati di Palazzo Ducale. Nel 2011 ha lavorato per l’Editoria scolastica De Agostini fornendo immagini naturalistiche per la versione digitale dei testi scolastici e nel mese di novembre dello stesso anno riceve il “Premio speciale” per il Concorso fotografico Internazionale “Città di Garbagnate”.

Nel febbraio 2012 riceve l’importante “nomination” del concorso fotografico della rivista OASIS PHOTO CONTEST, “International Photography Award for Nature and Environment con un Portfolio sui Lencois Maranhenses brasiliani.

Nel gennaio del 2013 espone una serie di gigantografie presso la Galleria Civica Ezio Mariani a Seregno in occasione della mostra di gioielli dell’Africa tribale “VanitàFierezzaProtezione” di cui con la madre Bianca Maggi è autrice dell’omonimo catalogo illustrato.

Dal 12 ottobre 2013 è protagonista della mostra sui gioielli etnici indiani “Namasté” presso il Palazzo delle Paure a Lecco. (mostra aperta fino al 12 gennaio 2014)

Attualmente si occupa della realizzazione fotografica di tutti i gioielli etnici della collezione di famiglia e completa le esposizioni di questi ultimi con documentazione fotografica inerente ai monili esposti.

Spesso in viaggio, sempre privilegiando l’Africa e i luoghi più remoti alla ricerca di etnie in via di estinzione, che grazie all’isolamento conservano tutt’ora le proprie antiche tradizioni.