8 giugno 2012 - VIAGGIO ANCH'IO

Venerdì 8 giugno 2012 ORE 21.00

PRESSO L’ISTITUTO COMPRENSIVO P. TIBALDI, VIA MANZONI 19, CANTU

 

   

VIAGGIO ANCH'IO

Ladakh di Daniela Cerati
Berlino di Mauro Colombo
Scozia di Alberto Mariani
Amarcord di Anna Maspero
Il cammino di Santiago di Campostela di Carlo Meroni
Il mio New Mexico di Lidia Villa
Makawana Angola – Gardaia di Terry Zappa e Maurizio Marconato

 

locandina

 

 

 

INFORMAZIONI  SULLE PROIEZIONI E SUGLI AUTORI

 

Daniela Cerati fotografa intuitivamente e giocosamente da quando era bambina. Ama viaggiare e, soprattutto se sola, bighellonare qui e là dandosi il tempo di entrare a far parte dei paesaggi naturali ed umani che incontra. Allora può essere che arrivi la voglia di “scattare”! Magari un ritratto, il suo genere preferito, incomparabile gioco di specchi e rifrazioni umane.

Insegna yoga a Mariano Comense (www.maitriweb.it) e organizza viaggi per piccoli gruppi nei luoghi che ama, viaggi caratterizzati dall'incontro con le persone e la cultura locali.

Il Ladakh è un deserto di alta quota, una nicchia di religione e cultura tibetana in terra indiana. Spazi immensi e minerali  dove il vento e le nubi creano giochi di luci e colori. Qui è là l’apparire verdeggiante di un oasi, frutto del duro lavoro di intere generazioni. In posizione spesso scenografica ecco invece i Gompa, i Monasteri appartenenti alle diverse tradizioni del buddhismo tibetano. Ovunque i segni delle preghiere affidate al vento...

 

AMARCORD di Anna Maspero

“Anna Maspero non è una viaggiatrice mentale, è una donna che ha calpestato molte terre di questo pianeta, non per piantare bandierine sul planisfero, ma per costringersi ogni volta a rimettersi in gioco. Ecco dove sta l’avventura.” Marco Aime (dalla prefazione di “A come Avventura, Saggi sull’Arte del Viaggiare” di Anna Maspero)

Vecchie immagini per raccontare come eravamo noi, quelli della generazione nata negli anni ’50 e cresciuta negli anni del boom economico. “Giro… vedo gente… mi muovo… conosco… faccio cose”: queste parole del film Ecce Bombo di Moretti potrebbero essere il manifesto della mia generazione. Abbiamo iniziato presto a viaggiare e con ogni mezzo: in autostop e con la tessera inter-rail, su una due cavalli o con il “magic bus”. Siamo andati in Marocco e in Messico, a Goa e a Kathmandu, abbiamo attraversato gli States verso ovest e i paesi del Medio Oriente verso est, leggendo Kerouac, Hesse e Castaneda, ascoltando le canzoni di Joan Baez e di Bob Dylan, dei Beatles e dei Pink Floyd. Non c’erano internet e il cellulare, non esistevano i voli low cost e il progetto Erasmus. Erano sufficienti uno zaino, una mappa, pochi soldi e si partiva, soli o con qualche amico, aperti agli incontri “on the road”.

Difficile trovare una parola per definire i viaggiatori della mia generazione. Non siamo Grandi Viaggiatori come qualcuno di coloro che ci ha preceduto. Non siamo i Nuovi Viaggiatori, quelli nati con internet, abituati a viaggiare prima di tutto nel web. Forse potremmo definirci imperfetti Viaggiatori (riprendendo la definizione data da Severgnini), ma pur sempre viaggiatori, in bilico fra voglia di viaggio e mercato del turismo. Curiosi, rumorosi, avventurosi, frettolosi, generosi, tolleranti…

 

Lidia Villa, viaggiatrice con lunga esperienza, racconta attraverso le immagini le sue impressioni su questo Stato unico per storia e cultura fra gli Stati Nord Americani. Anasazi, Pueblo, Apache, Navajos, Spagnoli, Messicani e Yankee  sono passati di qui  lasciando ognuno il segno della propria cultura. Questo mosaico di culture, in un ambiente naturale straordinario, fa del New Mexico una meta irrinunciabile di un viaggio negli USA.

 

Terry Zappa e Maurizio Marconato, architetti e designers per lavoro, viaggiatori e fotografi per passione. L’Africa è il loro continente preferito e il deserto in particolare: viaggiare senza una Toyota e una tenda è come non partire. I loro interessi sono la natura e le popolazioni, ovviamente remote. Un grande hobby, fare filmati e audiovisivi sperimentando le potenzialità delle macchine che usano anche per lavoro.   Questa sera ci presentano Makawana Angola – Gardaia.

 

Alberto Mariani, Mauro Colombo, Carlo Meroni (Gruppo Fotografico la Pesa Cantù). A conferma del gemellaggio di Albatros Cantù con il Gruppo Fotografico la Pesa anche quest’anno i soci “viaggiatori” ci portano una selezione dei loro ultimi lavori. Tre audiovisivi con un taglio fotografico molto eterogeneo: la città di Berlino, le Highland Scozzesi e un interessantissimo diario di viaggio da Cantù a Santiago di Campostela. Trattandosi di un gruppo fotografico l’attenzione è rivolta alla qualità delle immagini oltre che alla storia narrativa.