VIAGGIO ANCH'IO serata a più voci

ospite/autore

Venerdì 5 giugno 2015 - ore 21.00

PRESSO L’ISTITUTO COMPRENSIVO P. TIBALDI, VIA MANZONI 19, CANTU’(CO)

I giganti che ci circondano – Alessio Giovacchini

Amsterdam – Antonella Pianello

Berliner Mauer – Mauro Colombo

Etiopia, un mosaico di popoli – Massimiliano Mazzurana e Mariaelena Cosentino

Kathmandu – Costantino Rizzi

Shégué - Therese Redaelli e Elio Pozzoli

A fior di pelle - sguardi sul paesaggio umano – Gualtiero Fergnani

Elogio della bicicletta – Anna Maspero e Marco Zuccari

Godot aspetta a l’Avana – Anna Maspero

In viaggio per Itaca – Anna Maspero

locandina serata

GLI AUTORI

Alessio Giovacchini, socio del gruppo fotografico La Pesa di Cantù. La passione per la fotografia di paesaggio si affianca all’amore per la natura, con una predilezione per la montagna. Ci propone I giganti che ci circondano:  le nostre Alpi e Prealpi sono le protagoniste di una raccolta di immagini di paesaggio, scatti realizzati in condizioni particolari, tentando di cogliere i momenti in cui Madre Natura da il meglio di se. Sono le montagne che vediamo ogni giorno, alcune anche dalla finestra di casa. Ci soffermiamo mai ad ammirare tale bellezza?

Antonella Pianello, socia del Circolo Fotografico di Inverigo. Fotografa appassionata e curiosa, cerca di fermare con le immagini gli aspetti più particolari dei suoi viaggi e quei dettagli che ci fanno amare e ricordare i luoghi visitati. Un breve viaggio ad Amsterdam, l’occasione per scoprire questa città affascinante, in equilibrio tra modernità e tradizione.

Mauro Colombo scopre la passione per la fotografia nel 2008, durante un viaggio nel deserto islandese. Successivamente amplia  e coltiva l'interesse per la fotografia partecipando alle attività del Gruppo Fotografico la Pesa e scopre la sua vocazione di “fotografo urbano”. Con lui andiamo a Berlino, una delle capitali europee più amate. Berliner Mauer: la città divisa e la contrapposizione dei due blocchi, rievocata dai murales della East Side Gallery.

Etiopia un mosaico di popoli. Massimiliano Mazzurana e Mariaelena Cosentino viaggiano in coppia da oltre dieci anni, spinti dall’istinto di conoscere e dalla volontà di comprendere modelli sociali e culturali differenti da quello occidentale. Fotografi amatoriali e appassionati di antropologia, nel 2013 hanno attraversato l’Etiopia da nord a sud percorrendo in un mese oltre 5000 Km. In Etiopia, spostandosi nello spazio si viaggia anche nel tempo, alla scoperta di popoli che vivono contemporaneamente in epoche diverse fino a comporre un mosaico formato dalle atmosfere di una ritualità primordiale respirate nelle chiese cristiane del nord, all’aria modaiola e trafficata di Addis Abbeba, fino ai riti ancestrali del sud.

Costantino Rizzi, socio del gruppo fotografico La Pesa di Cantù, da sempre amante della montagna ci porta in Nepal, questo splendido paese recentemente tanto colpito dalla tragedia del terremoto: Kathmandu è il suo audiovisivo, realizzato con le belle immagini del suo viaggio, effettuato nell’agosto del 2014.

A volte il viaggio assume delle connotazioni diverse, è il caso di Therese Redaelli e Elio Pozzoli, soci del Circolo fotografico di Inverigo, che ci propongono un reportage sulla loro esperienza nella RDCongo al servizio della Onlus Aleimar, associazione umanitaria che si occupa di cooperazione internazionale. Video e immagini sono  frutto  dei viaggi che gli autori hanno effettuato nel corso del 2014, Shéngué, i bambini dannati del Congo.

A fior di pelle, sguardi sul paesaggio umano di Gualtiero Fergnani. E’ una fuggevole e delicata sensazione che sale molto vicino alla superficie, a fior di pelle. L’incontro è solo sfiorato dagli sguardi, l’emozione è immediata, leggera, poi, a fermare il tempo sul paesaggio umano, solo lo scatto fotografico e l’istante presente è catturato per sempre. Perché l’istante passato non c’è più e quello futuro non ci appartiene ancora. Bisogna imparare a vedere, saper cogliere e trattenere l’istante, bisogna imparare a incontrare e sentire lo sguardo dell’altro. Bisogna darsi il tempo di ascoltare, di assorbire i colori, i rumori, gli odori, per trasformare ogni occasione di incontro in una emozione e tentare di convertirla in immagine con un semplice CLICK.

Elogio della bicicletta di Marco Zuccari e Anna Maspero. La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l’equilibrio devi muoverti” scrive Albert Einstein. E davvero la bicicletta non è solo un mezzo di trasporto, ma è filosofia e linguaggio, simbolo e utopia. Un breve audiovisivo con immagini e musica mixate in libertà da Marco Zuccari, autore di “BICINCINA pedalando da Pechino a Shanghai” sulla base del testo Elogio della Bicicletta tratto da “Il Mondo nelle Mani, Divagazioni sul viaggiare” di Anna Maspero.

Godot aspetta a l’Avana di Anna Maspero. Immagini de l’Avana e parole da “Il Mondo nelle Mani” per raccontare il fascino della cubanità. L’Avana è bella, ma di una bellezza che si rivela poco a poco. Girovagando senza meta per le strade strette della città vecchia si viene lentamente avvolti e sedotti da questo miscuglio di passato e presente, tropico e Occidente, fatalismo e utopia, allegria e riflessione, libri e libretas, vitalità e malinconia, storie grandi e piccole.

In viaggio per Itaca di Anna Maspero. Itaca di Costantino Kavafis è probabilmente la più bella poesia mai scritta sul viaggio. Itaca è il ritorno di Ulisse alla terra natale e agli affetti, ma anche l’inevitabile preludio a un nuovo addio. Itaca è il senso ultimo dell’andare: da lì l’eroe omerico riparte “per seguir virtute e conoscenza”, regalandoci con la sua “orazion picciola” di fronte alle Colonne d’Ercole il significato più vero del nostro essere uomini, nati nomadi e diventati sedentari, ma predisposti per natura, o forse condannati, al superamento di sempre nuovi limiti. Itaca è il simbolo del cammino esistenziale di ciascuno, perché è proprio quest’isola persa nel Mar Ionio a regalarci il viaggio come metafora della vita.